Giovinco, Somma, Buffa, Bani...troveranno spazio?

La situazione relativa a chi ha giocato poco per infortunio o non è al momento tra le prime scelte di Ferraro

Scritto da Marco Massimino Cocuzza  | 
Giovinco

Il Catania vola, sulle ali di un entusiasmo quasi sopito negli ultimi anni, guidato da una società capace tra le tante cose di allestire un roster imbottito di stelle per la categoria. Gestite, e bisogna sottolinearlo tante volte, da un Ferraro che ogni domenica fa scelte ragionate sul concetto di equilibrio e motivazione, da donare allo spogliatoio e al singolo.
Non tutte tutte queste stelle, però, hanno brillato: o meglio, aspettano ancora il momento per potersi e per poter illuminare.

Forse se ne parla anche troppo ma sì, iniziamo con lui, Giuseppe Giovinco. Partiamo dai numeri: il 32 in campionato ha collezionato 7 presenze (neppure subentrato nelle ultime due importanti sfide), per un totale di 215'. Pochi, perché soltanto in due occasioni è sceso in campo da titolare, con una media di 16' su 13 partite disputate dai rossazzurri. Lo stesso ragazzo ha più volte esternato la volontà di fare di più per la squadra, qualcosa che non si limita al massimo impegno in allenamento per tenere alta la tensione dei compagni schierati più spesso. La sensazione resta comunque che un giocatore dalle doti indiscutibili avrà, prima o poi, le sue possibilità.

Nelle zone più arretrate del campo non è poi passata inosservata la situazione relativa a Somma. Quasi sempre titolare nelle prime 10 partite, 0 minuti nelle ultime due, mentre è subentrato a gara iniziata tre domeniche fa contro il Canicattì. Certo, Ferraro ha preferito schierare il doppio under in difesa per non rinunciare a De Luca in avanti, sacrificando proprio Somma in base al concetto di equilibrio nello spogliatoio spiegato all'inizio. 

Bani e Buffa? Hanno in comune il ruolo in mezzo al campo, il numero di presenze e l'utilizzo con il contagocce da parte del tecnico rossazzurro. Sono infatti 6 (tre a testa) le presenze accumulate dai due, e soltanto Buffa è stato utilizzato, una sola volta, da titolare. Entrambi tra l'altro non vedono il campo da più di un mese: insomma, non sono finora entrati nelle rotazioni di Ferraro.

Stanno in una lista a parte invece i vari Litteri, de facto primo acquisto di gennaio per il Catania quando rientrerà in gruppo, Di Grazia, Alessandro Russotto, Scognamiglio e Chinnici, quasi tutti impossibilitati a giocare causa infortunio.

Tutti i profili che per un motivo o per un altro si sono visti poco, o che magari verranno lanciati nelle prossime uscite, senza dimenticare un mercato invernale ormai alle porte. Starà al tecnico e alla società selezionare chi, infortunato o meno, potrà continuare o iniziare a dare il proprio contributo alla causa.