I numeri del momento difficile del Catania

Nelle ultime dieci partite solamente due vittorie

Il pareggio interlocutorio contro la Fidelis Andria, frutto di un brutto primo tempo, del solito errore difensivo e poi di una ripresa più “centrata”, si inserisce in una striscia di risultati sicuramente preoccupanti che meritano sicuramente un'analisi. Il Catania, dopo quattro gare del girone di ritorno, occupa il 13° posto in classifica con 7 vittorie, 7 pareggi e ben 9 sconfitte, ma soprattutto non vince da 5 giornate nelle quali ha portato a casa 3 pareggi a fronte di 2 sconfitte, risultando quart'ultima nella speciale classifica.

Una netta difficoltà che si amplifica se si analizza l'andazzo delle ultime 10 giornate, nelle quali gli etnei hanno vinto solamente 2 volte (Palermo e Potenza), ottenendo appena 9 punti e piombando in piena zona playout con il 15° rendimento, lo stesso proprio dell'appena affrontata Fidelis Andria. Uno stop che richiama la piccola flessione realizzativa vissuta anche da bomber Moro i cui gol hanno portato 17 punti complessivi, ma che non trova la via delle rete su azione proprio da 6 giornate quando andò in scena il derby col Palermo.

Insomma un momento non semplice anche se le prestazioni non sono state del tutto in tendenza rispetto ai risultati, come per esempio in quel di Bari o, dal punto di vista della gagliardia, contro lo stesso Catanzaro. Purtroppo per i rossazzurri il problema di fondo è rappresentato dai gol subiti e dagli errori difensivi che non sempre possono essere vendicati da un'efficace fase offensiva ed il fatto che nelle 10 volte in cui il Catania sia passato in svantaggio abbia poi ottenuto al massimo 3 pareggi senza mai vincere ne è un esempio concreto. Come invertire la rotta? Concentrandosi su quei punti saldi che hanno formato l'identità del Catania, ritrovando un po' di fiducia e spensieratezza e soprattutto cercando, ma è pleonastico dirlo, di limitare totalmente gli errori difensivi. Tutto ciò Baldini lo sa, e siamo certi che troverà la soluzione.