Avversario: Turris macchina all'insegna del gioco

Prodotto degli automatismi della squadra i 41 gol fatti, rendimento che vale il secondo miglior attacco del campionato Giannone torna da uno stop

Scritto da Davide Campagiorni  | 

La Turris è la vera rivelazione del campionato. Con un marchio di fabbrica in vetrina: il gioco. Mister Caneo ha creato un giocattolo quasi perfetto capace di stazionare nelle posizioni alte della classifica. Il mercato di gennaio non ha intaccato l'intelaiatura della squadra e il "caso Franco", che ha tenuto banco negli ultimi giorni della finestra invernale, con il forte interesse dell'Avellino, si è chiuso con un nulla di fatto. Il giocatore è rimasto alla corte dei corallini.

Una squadra che sta recuperando i pezzi migliori dopo alcuni infortuni, Giannone e Santaniello in particolare, rispettivamente 10 e 8 gol in stagione, vengono da un periodo di stop. Il primo ha già messo minuti nelle gambe giocando mezz'ora abbondante nella sfida persa contro il Monopoli, il secondo è ancora rimasto fuori dai convocati. 

Prodotto degli automatismi della squadra i 41 gol fatti, rendimento che vale il secondo miglior attacco del campionato, con una sola rete in meno messa a referto rispetto al Bari capolista. La squadra di Torre del Greco vive senza mezze misure il rendimento casalingo e non rinuncia mai ad uno stile di gioco aperto.

Un dato che traspare dai risultati ottenuti sin qui all'"Amerigo Liguori": 6 vittorie e 5 sconfitte, mai tra le mura amiche il risultato di parità. Un bilancio che cozza con il rendimento della squadra di Baldini in trasferta, con i rossazzurri che hanno conquistato sin qui ben 6 pareggi, 2 invece le vittorie e 4 le sconfitte.